Connessioni Estive

26 luglio 2018 at 16:01

Paolo Mariola – National Director BNI Italia

Bene. Anche quest’anno a Luglio arriva puntuale il numero della nostra newsletter che, insieme a tante altre, ha come principale obiettivo quello di augurarvi buone vacanze e dare il via a quello che, nonostante i tempi che cambiano, rimane il tempo sospeso per eccellenza.

Nonostante ormai Agosto non sia più il mese in cui “il mondo si ferma”, rappresenta comunque un periodo in cui la normale frenesia lavorativa cede ai raggi del sole e rallenta, lasciando a professionisti e imprenditori lo spazio per le vacanze ma anche, per chi continua a lavorare, qualche momento in più da dedicare alla pianificazione, ai bilanci di metà anno, alle idee per nuovi progetti…. READ MORE

Monetizziamo il nostro pranzo

26 luglio 2018 at 15:59

Sabina Vaccari – Executive Director Milano Sud Est e Roma Nord Ovest

Novembre 2016. A San Francisco vado in visita ad un capitolo all’ora di pranzo. Certo mangiano molto, sono americani, e il loro piatto unico è esageratamente grande come del resto la loro nazione. Ma l’esperienza è positiva e costruttiva anche se incontro membri americani che piangono per l’elezione di Trump. Era il giorno dopo! Racconto al mio team a Roma la mia esperienza  e stimolo l’interesse di Monica mia validissima Area Director a buttarsi nell’avventura…READ MORE

Un MSP a Vicenza

26 luglio 2018 at 15:58

Daniele Pagno, Executive Director BNI Toscana Ovest

Il viaggio a Vicenza prende forma un giorno di giugno, davanti ad un caffè con Massimo Seghieri vulcanico Regional Director di Siena e Grosseto. Lo scopo è assistere ad un corso MSP (Member Success Program, ndr) condotto da Curzio Rositani Executive di Vicenza, ma anche passare una giornata con due colleghi ; quindi partenza alle 6 del mattino da Lucca e via verso Vicenza dove ci aspetta Curzio. Sono in macchina con Massimo ed incuranti sia mattina presto iniziamo subito a scambiarci idee ed esperienze sia personali sia naturalmente di BNI…READ MORE

Lavorare all’unisono

26 luglio 2018 at 15:55

Luca Medici, Interior Designer, Membro BNI Certosa

Sono Luca Medici, Interior Designer del Capitolo Certosa, il 2018 è stato un anno molto interessante sotto il punto di vista dello scambio referenze nel nostro “Power-Team Edilizia”. Un mio cliente, la nota società francese Mustela, ha decido di cambiare la sua sede milanese e mi ha commissionato l’intero progetto “chiavi in mano”. Sono così riuscito a coinvolgere molti Membri del mio Capitolo, di seguito vi faccio un elenco dettagliato delle figure professionali che sono state coinvolte...READ MORE

Se il buongiorno…

26 luglio 2018 at 15:51

 Luciano Rossi, Filrus, Membro BNI Biella

 

Sono Luciano Rossi, di Biella. La nostra attività di famiglia - www.filrus.it - si occupa di abbigliamento uomo classico/elegante. Biella è la città della lana e Filrus utilizza i migliori tessuti biellesi (Zegna, Cerruti, Vitale Barberis Canonico) per realizzare capi – sempre più spesso SuMisura – che vengono indossati da liberi professionisti, imprenditori, dirigenti per le loro esigente di eleganza professionale. Nell’estate 2017 l’amico Edoardo Cassaro (Elaborazione Paghe a Biella, nostro fornitore) mi invita a conoscere l’attività di BNI…

READ MORE

Com’è cambiata la mia vita

26 luglio 2018 at 15:49

Matteo Stefanello, Vetraio, Membro BNI Giulio Natta

27 Maggio 2013. Un sogno. Il mio. Realizzato. Aprire la mia azienda. In un periodo di crisi, dove tanti fallivano, perdendo tutte le loro speranze io aprivo una nuova attività. “Sei matto” mi dicevano, “fare il dipendente è più facile, non hai pensieri e non devi fare i conti con le tasse e gli Enti”. Ma io non ho ceduto alla via comoda e nonostante la mia compagna perdeva anche lei il suo lavoro, licenziata, mi sono intestardito e ho tenuto duro. Io non morirò da dipendente, io so di avere uno spirito da imprenditore. Gli inizi nel garage di casa, con un piccolo ufficio in taverna. 2-3 imprese che credevano in me…..READ MORE

Com’è cambiata la mia vita

26 luglio 2018 at 15:28

Matteo Stefanello, Vetraio, Membro BNI Giulio Natta

27 Maggio 2013. Un sogno. Il mio. Realizzato. Aprire la mia azienda. In un periodo di crisi, dove tanti fallivano, perdendo tutte le loro speranze io aprivo una nuova attività.

“Sei matto” mi dicevano, “fare il dipendente è più facile, non hai pensieri e non devi fare i conti con le tasse e gli Enti”.

Ma io non ho ceduto alla via comoda e nonostante la mia compagna perdeva anche lei il suo lavoro, licenziata, mi sono intestardito e ho tenuto duro.

Io non morirò da dipendente, io so di avere uno spirito da imprenditore.

Gli inizi nel garage di casa, con un piccolo ufficio in taverna. 2-3 imprese che credevano in me.

Ottobre 2013. L’incontro con l’architetto Nicola Agazzi.

Una collaborazione fortunata che ha avvicinato il mio lavoro ad un professionista che già faceva parte del network BNI.

Giugno 2014. Nicola Agazzi mi ha fatto toccare con mano un incontro di Capitolo nella Region di Bergamo.

08 Luglio 2014. “Ci credo”. Questo è stato l’inizio del mio ingresso in BNI.

Entrare a far parte di un team di Imprenditori, professionisti intenzionati a collaborare, a darsi una mano, a capire come crescere assieme ognuno con le proprie competenze ed esperienze sul campo.

Come tutto ciò che è novità, ammetto di aver trascorso una prima fase di stallo e di giustificato timore.

Ma il mio ego non cede a sconforti e inceppamenti, pertanto già dopo il primo incontro BNI vantavo il mio entusiasmo e la sicurezza di riuscire a poter collaborare e offrire la mia professionalità al Capitolo in formazione, il Giulio Natta.

Partecipando ad ogni incontro, cooperando con i colleghi e frequentando i corsi di formazione, ha fortificato le mie basi e ho sviluppato le prospettive per nuovi lavori.

Ho sempre pensato che mettere la propria faccia migliora l’economia, proporre attività altrui avvantaggia tutti noi e consolida il cerchio della fiducia.

Farsi strada da soli è complicato ed impegnativo. Ritrovarsi con persone che si fidano di ciò che proponi e ampliano i tuoi contatti è come avere rappresentata la tua figura anche quando non ci sei al di fuori della sfera BNI.

02 Ottobre 2014. Il lancio del nostro capitolo. BNI GIULIO NATTA.

Tanta emozione. Tanti Ospiti a cui trasmettere la passione e il senso di appartenenza a BNI.

Ed arrivano così anche i primi incarichi nel gruppo. Responsabile Eventi. Qui inizio un percorso di crescita interna ed esterna. Molte persone iniziano a capire ed apprezzare il mio carattere serio e determinato.

Novembre 2014. Il mio primo lavoro acquisito grazie alla collega di Capitolo Manuela Spagnolo che mi ha affidato la realizzazione di porte e vetri per i gli uffici della sua azienda.

Dicembre 2014. Il secondo lavoro grazie al collega professionista del mondo dello sviluppo delle APP Daniel Maida.

Inoltre grazie alla formazione e ai corsi individuali di BNI, che hanno livellato molti dei miei difetti e ampliato le mie vedute di imprenditore, grazie alla collaborazione con professionisti di tantissimi settori e all’impegno dedicato ad ogni incontro, ho raggiunto nuovi clienti e   cresciuto nel fatturato. Il passaparola funziona! Perché i colleghi mi ha aperto le porte ai loro contatti a una clientela più esigente a cui io ho saputo rispondere con una offerta sempre più articolata e di qualità superiore.

Settembre 2015. CoME dicevo all’inizio ho sempre amato mettermi in discussione e affrontare nuove sfide: per cui ho accettato anche il  mio secondo incarico come Vicepresidente. Per poi continuare nel Comitato dei Membri, come Coordinatore Responsabile Ospiti e nuovamente Vicepresidente.

Dicembre 2016. Ho ricevuto un importante riconoscimento: il Badge Blu vitalizio. Premio concessomi per l’impegno dedicato al Capitolo.

Che onore!

E piano piano sto maturando. Dal garage di casa ci siamo trasferiti in centro Bergamo, affittando un capannone, assumendo un operaio ed acquistando un nuovo macchinario. Abbiamo integrato la lista di nuovi clienti di spessore che hanno contribuito a rafforzare il valore del mio lavoro.

E con il nuovo anno abbiamo istituito una nuova società.

Il mio background, composto dalle esperienze, da tutto ciò che ha contribuito a fare di me ciò che sono, mi ha permesso di avvicinarmi al mondo BNI e creare nuove opportunità per me e per i miei colleghi.

Oggi. Sono il Mentore del Capitolo Giulio Natta.

La mia vita è cambiata. In meglio. Pur riscontrando le innumerevoli difficoltà che si affacciano ogni giorno, nella mia piccola realtà continuo a creder di poter fissare un’impronta importante e significativa.

Ogni persona che ho conosciuto in BNI mi ha dato e mi sta dando qualcosa di utile.

Tutti, in modo positivo, ma anche negativo, mi hanno accresciuto e stimolato.

Ringrazio tutto il mio Capitolo il  BNI GIULIO NATTA.

E grazie all’AD Laura Dorini per la sua capacità di tenere unito il nostro gruppo, per avermi capito e sostenuto, per avermi chiesto pareri, per essersi confrontata con me e per aver speso parole sagge, tranquille e composte e con l’adeguata etica del giusto mentore.

Grazie a Marialuisa Cordone – Executive BNI Bergamo per aver portato nella provincia di Bergamo il metodo BNI e per avermi sempre incoraggiato nelle scelte fatte per il nostro gruppo BNI Giulio Natta.

Un ringraziamento anche a chi non fa più parte del nostro gruppo BNI, perché, nel bene o nel male, hanno contribuito a formare un pezzo del puzzle della mia vita e del mio percorso.

Se qualcuno mi ponesse la classica domanda: “Ti iscriveresti nuovamente in BNI?”

Io sicuramente riporrei la stessa fiducia timorosa ma consapevolmente certa che si, perché era quello che stavo cercando: un network organizzato, trasparente non lasciato al caso per costruire un percorso virtuoso, inclusivo e non competitivo per crescere e collaborare.

Io sono un paracadutista e posso dire di essere fortunato nell’avere una visione del mondo un po’ più ampia rispetto a molte persone.

Anche questa mia passione mi ha aiutato a credere e valutare nuovi punti di vista della vita e a rischiare di superare i propri limiti.

Fiducia in chi ti può far diventare grande.

Stare accanto ai grandi ti fa diventare grande. Crederci. Sempre.

 

Se il buongiorno…

26 luglio 2018 at 15:27

 Luciano Rossi, Filrus, Membro BNI Biella

 

Sono Luciano Rossi, di Biella. La nostra attività di famiglia - www.filrus.it - si occupa di abbigliamento uomo classico/elegante.

Biella è la città della lana e Filrus utilizza i migliori tessuti biellesi (Zegna, Cerruti, Vitale Barberis Canonico) per realizzare capi – sempre più spesso SuMisura – che vengono indossati da liberi professionisti, imprenditori, dirigenti per le loro esigente di eleganza professionale.

Nell’estate 2017 l’amico Edoardo Cassaro (Elaborazione Paghe a Biella, nostro fornitore) mi invita a conoscere l’attività di BNI e del nascente capitolo “Biella”. Solita routine, credo: avvicinamento al gruppo, partecipazione alla presentazione del Capitolo, ospite di una riunione settimanale, incontro con il Director Pino Anzaldi e a fine ottobre Filrus aderisce a BNI.

Fin da subito la sensazione è molto positiva e la qualità professionale dei compagni di squadra è evidentemente alta e qualificata.

Ecco sì, la sensazione di essere entrato in una “quadra” in cui tutti giocano per permettere a ciascuno di realizzare i propri “gol” è la metafora (certamente banale) che esprime bene lo stato delle cose.

Ma la squadra si rivela fin da subito molto più grande del previsto.

Per una piccola esigenza professionale, devo incontrare, un giovedì di novembre, clienti molto importanti a Lugano al mattino, mentre al pomeriggio devo consegnare dei capi a clienti milanesi. Una cosa frequente con il servizio SuMisura a domicilio.

Ma abbiamo un problema: so bene che la dogana italo-svizzera non mi permette, al mattino, di transitare con merce (gli abiti dei “milanesi”) che non viene sdoganata…

Mi dico… ma vuoi vedere che BNI mi può aiutare? Infatti dopo una rapida ricerca su BNI Connect scopro il Capitolo Volta, di Como. Giorno di incontro: giovedì…

Ora, non mi faccio certo suggestionare dalle coincidenze, però un sorriso mi scappa…

Ma a parte questo, come posso fare? Mi posso permettere di disturbare questi sconosciuti per chiedere aiuto per i fatti miei e chiedere di “parcheggiare” da loro quegli abiti che non potevano passare la dogana?…

Poi però mi dico… in fondo se ricevessi io una richiesta di aiuto, da un collega di Como, mi impegerei per aiutarlo?

Sicuro della mia (positiva) risposta, ma faccio coraggio e scrivo una breve email al presidente del Capitolo, Luca Ganzetti, spiegando la situazione.

La risposta è ancora più breve: “Ti aspettiamo con piacere”.

Ah! Così facile?

Quel che accede dopo potete immaginarlo, ma io lo riassumo volentieri: alle 7:00, puntuale, mi faccio trovare nello splendido Yacht Club Como, sede del capitolo. L’alba sul lago ha luci belle quanto il sorriso delle persone che arrivano alla spicciolata. Vengo accolto da questa “squadra” come se fosse da sempre la mia, di squadra… In deroga a ogni regolamento (ahia!) mi viene offerta la possibilià di presentarmi per primo, visto che poi devo riprendere il mio viaggio per la Svizzera.

La mia slide compare, con mio grande stupore, mentre parlo :)

E così si conclude, con un grazie grande così a Luca Ganzetti e a tutto il Capitolo Volta, questa mia testimonianza…

Quando si gioca in una squadra così forte, è più facile fare gol. Quel giovedì io ne ho fatti 2, chiudendo bene i 2 lavori di Lugano e a Milano.

Non vedo l’ora di mandare il gol qualche compagno di Como…

 

Lavorare all’unisono

26 luglio 2018 at 15:27

Luca Medici, Interior Designer, Membro BNI Certosa

Sono Luca Medici, Interior Designer del Capitolo Certosa, il 2018 è stato un anno molto interessante sotto il punto di vista dello scambio referenze nel nostro “Power-Team Edilizia”. Un mio cliente, la nota società francese Mustela, ha decido di cambiare la sua sede milanese e mi ha commissionato l’intero progetto “chiavi in mano”. Sono così riuscito a coinvolgere molti Membri del mio Capitolo, di seguito vi faccio un elenco dettagliato delle figure professionali che sono state coinvolte:

Anna Campi (Tappezziere): Si è occupata delle tende e degli oscuranti “a veneziana”

  • Mattia Pozzi: (Vetreria) Ha fornito la porta elettronica scorrevole con logo in vetro antisfondamento dell’ingresso degli uffici.
  • Salvatore Spica (Elettricista): Si è occupato di tutti gli impianti elettrici, condizionamento, cablaggio rete dati, armadio server, illuminazione, ripristino impianto di allarme, proiettore, sensori luci, etc…
  • Luca Moriggi (Impresa edile): Ha provveduto alle demolizioni e ricostruzioni muri, impianti idraulici, cartongessi compreso il ripristino della vecchia sede.
  • Cosetta Pasin (Impresa di pulizie): Ha effettuato le pulizie finali del cantiere e si è occupata di pulire tutti i nuovi arredi, le vetrate, sanificazione servizi igienici, etc…

Non solo ho coinvolto i Membri del mio Capitolo, ma ho contattato anche Adolfo Lascala – LC Office del Capitolo Palio per la fornitura delle poltrone, divani e accessori mentre ci  siamo avvalsi di un fornitore italiano affidabile, Alparsystem srl, che ha fornito le pareti fisse/mobili in vetro e tutti gli arredi per l’ufficio.

Questo lavoro mi ha dato molte soddisfazioni, la prima, la più importante, è aver creato un team di professionisti coeso e molto efficiente, dove tutti hanno lavorato all’unisono, creando di fatto un clima sereno e affidabile, la seconda soddisfazione, non meno importante, sono stati i GAC, che nella loro totalità hanno generato oltre € 150.000,00 di affari conclusi! Ancora non abbiamo finito, infatti i professionisti che hanno partecipato a questo progetto sono piaciuti molto al mio cliente e senza dubbio in futuro verranno contattati nuovamente per qualsiasi esigenza si dovesse rendere necessaria. Si è creato un indotto importante che creerà in futuro nuove opportunità di lavoro!

 

 

Un MSP a Vicenza

25 luglio 2018 at 17:16

Daniele Pagno, Executive Director BNI Toscana Ovest

Il viaggio a Vicenza prende forma un giorno di giugno, davanti ad un caffè con Massimo Seghieri vulcanico Regional Director di Siena e Grosseto.

Lo scopo è assistere ad un corso MSP (Member Success Program, ndr) condotto da Curzio Rositani Executive Director di Vicenza, ma anche passare una giornata con due colleghi ; quindi partenza alle 6 del mattino da Lucca e via verso Vicenza dove ci aspetta Curzio.

Sono in macchina con Massimo ed incuranti sia mattina presto iniziamo subito a scambiarci idee ed esperienze sia personali sia naturalmente di BNI.

Il viaggio scorre veloce tra le nostre conversazioni e raggiungiamo Curzio per poi spostarci a Thiene per il pranzo.

Il corso inizia alle 14 puntuali con 8 persone, più Massimo ed io attenti ascoltatori, mi aspettavo qualcosa di diverso ma questo MSP lo è davvero, si inizia lavorando sul perché siamo qui oggi in BNI, quali sono le nostre aspettative, la nostra visione.

Argomenti intensi, ci coinvolgono e le ore passano, senza che ce ne accorgiamo sono quasi le 5 quando si inizia a trattare gli argomenti ‘classici’ : 60”, 121, ecc.

Arriviamo alle 20 e la soglia di attenzione attorno al tavolo non è ancora scesa, in effetti mi sono accorto del passare delle ore solo dall’imbrunire. I Membri si fermano per il sacrosanto aperitivo a Spritz e Prosecco a cui a malincuore rinunciamo, ci aspettano altre 4 ore di viaggio per arrivare a casa a Lucca e Massimo domani mattina deve essere alle 7 a Grosseto, quindi sveglia alle 5 per lui.

Quello che abbiamo sentito e visto in questo MSP ci ha colpito e nel viaggio di ritorno non smettiamo di scambiarci le nostre riflessioni.

La Vision di BNI Italia ha un passaggio che mi è molto caro e recita ‘sostenere i Membri nella crescita della loro attività ed a supportarli nel cambio di mentalità necessario per passare dalla modalità competitiva a quella collaborativa’. Mi sono sempre chiesto come ‘supportare’ praticamente e Curzio ha la risposta: facendo riflettere sul perché facciamo quello che facciamo, un concetto mutuato da Simon Sinek estremamente valido in ogni situazione.

Fare BNI è migliorare si la nostra attività, dare e ricevere referenze, ma anche migliorarci come persone e fare nostri i valori BNI. I valori modellano la cultura dell’azienda o dell’organizzazione in cui operiamo, non accettare o non comprenderne i valori causa un disallineamento tra il singolo e la squadra che prima o poi impatta la partecipazione sino a provocare l’uscita dal gruppo delle persone non allineate alla cultura BNI.

Credo questo sia il motivo principale di successo o meno del membro nel Capitolo; per questo Curzio insiste tanto nel suo MSP sui valori, per rendere i nuovi membri ben coscienti che per avere successo in Capitolo è richiesto di operare secondo una filosofia collaborativa diversa da quella competitiva che normalmente usano.

Può sembrare un’utopia di altri tempi, anacronistica, ma funziona e ce lo dicono i 190 milioni di eur di GAC scambiati nei Capitoli nel 2017.